Riscatto la laurea secondo le regole ordinarie o con la nuova modalità “light” prevista dalla manovra 2019? Oppure non riscatto nulla? Quali sono i vantaggi, le modalità di pagamento e gli effetti fiscali? E l’alternativa della RITA dei fondi pensione? Facciamo chiarezza.

Oggi ci sono due modi per riscattare la laurea:

  1. Il riscatto ordinario possibile per tutti e qui disciplinato dall’INPS
  2. Il nuovo riscatto “light” riservato agli under 45 come spiegato in questo articolo de IL Sole 24 Ore

In estrema sintesi, per chi può accedere ad entrambi, direi questo. Se hai un reddito lordo superiore ai 15.000€ pagherai meno con il riscatto “light”. Ma basta questo per dire che conviene? Andiamo oltre i numeri e capiamo la situazione di ciascuno oggi e domani. E domandiamoci anche obiettivi e bisogni da soddisfare.

Quale è il tuo obiettivo?

  1. Vuoi andare in pensione prima?
  2. Vuoi avere una pensione più dignitosa?
  3. Temi di perdere il lavoro e vorresti creare le condizioni per anticipare la pensione?

 

Voglio andare prima in pensione

In questo caso fatti questa domanda. Quanti contributi avrò versato quando avrò circa 60 anni? Se ne avrai circa 35, sommando il riscatto degli anni di laurea, sei ad un buon punto. Puoi seriamente pensare ad anticipare la data della pensione col riscatto. Altrimenti ti stai solo illudendo di andare prima in pensione. E pagherai oggi tanti quattrini inutilmente.

Il riscatto ordinario è sempre da preferire. Quello che versi sarà restituito con la pensione e deduci tutto il versato dal reddito imponibile. Inoltre puoi diluire questa spesa in 10 anni senza interessi. Il riscatto “light” ti fa risparmiare ma abbassa in media la contribuzione annua. Il risultato è avere una pensione più bassa per sempre. Prova a fare una simulazione tramite questo link.

Voglio avere una pensione più dignitosa

Se hai questo obiettivo principale:

  1. Versa in un fondo pensione quanto più possibile
  2. Porta anche il TFR nel fondo pensione
  3. Non fare il riscatto “light”, questo anticipa la pensione per chi può ma ne riduce drasticamente l’importo!

 

Temo di perdere il lavoro ed in quel caso vorrei avere prima la pensione

La soluzione a questa paura è destinare le 26.000€ al fondo pensione. Non pagare con questi soldi il riscatto “light” se ne hai i requisiti. Perchè?

A 10 o 5 anni dalla pensione hai difficoltà a lavorare? Richiedi al fondo pensione la RTA (Rendita Integrativa Anticipata) ed attendi con più serenità l’arrivo della pensione pubblica. La pensione pubblica sarà così la più alta possibile. Nell’attesa puoi usufruire del riscatto anticipato del fondo pensione integrativo.

Questo articolo non può essere esaustivo. La materia è complessa, in evoluzione ed ognuno può avere situazioni particolari. Ma è utile per riflettere e mettere a fuoco la situazione personale. Se hai domande utilizza pure i commenti qui di seguito, provo ad aiutarti meglio.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scarica gratuitamente il mio ebook:
Storie di investimenti finanziari

LinkedIn
LinkedIn
Share
WhatsApp chat