Col gioco alle slotmachines, VLT, giochi on line, superenalotto e gratta e vinci può cambiare la mia vita? Quali sono i bisogni cui comunque dovrò pensare per me ed i miei cari?

Di recente, mi sono impegnato nel coordinare diverse associazioni che operano nel sociale per la promozione di uno Slotmob nel paese in cui vivo. Ho saputo che il gestore di un bar aveva scelto di togliere le slot machines. Ho domandato il perché ed ho ascoltato tante storie. Padri di famiglia che spendevano quello che avevano, poi andavano al bancomat per ritirare altro danaro, ritornavano e spendevano tutto di nuovo ed infine arrivava la moglie disperata. Ed ancora, giovani che passavano le notti a giocare anziché dormine. Amici che hanno perso tutto e non hanno potuto fare le vacanze o clienti infastiditi dal rumore delle “macchinette”. Mi sono venute in mente alcune situazioni vissute di persone che incassano il loro stipendio mensile e lo spendono tutto giocando on line. Queste le mie esperienze, magari qualcuno lascerà un commento a questo post raccontando che la sua vita è cambiata perché ha guadagnato un sacco di soldi che altrimenti non avrebbe mai potuto avere.

Giochi giusti ed ingiusti

Nella materia di calcolo delle probabilità si studia anche la Teoria dei Giochi che spiega che un gioco è ingiusto se remunera molto meno del rischio che abbiamo corso di perdere. Il superenalotto, udite udite, è un gioco ingiusto, si proprio quel gioco che ci fa guadagnare un sacco di soldi, ci paga molto meno di quanto rischiamo di perdere. Questa la motivazione per cui, a parte eccezioni che illudono molti a continuare, giocare genera mediamente solo nuove povertà. Interessante uno studio pubblicato da Il Sole 24 Ore. Nella gran parte dei casi, anche chi vince grandi cifre, in poco tempo è più povero di prima!

 

Fra 5, 10, 15, 20, 25 anni a che grandi spese dovrò andare incontro?

L’auto da sostituire, la casa da ristrutturare, l’istruzione dei figli, l’avvio di un’attività lavorativa, integrare le future misere pensioni di base. Pochissimi vincendo col gioco hanno trovato una comoda risposta a queste esigenze. Moltissimi non hanno messo da parte nulla e quando qualche bisogno importante busserà alla porta dovranno far ricorso ai debiti. E magari non troveranno nessuna banca disposta a prestare il danaro.

Risparmiare, una soluzione diversa

Una risposta ai bisogni di cui sopra è il risparmio, una soluzione che funziona per tutti, certamente non fa magie, non genera ricchezza dal nulla, ma, se metto da parte 200€/mese in 5 anni avrò 12.000€, in 15 anni 36.000€, in 25 anni 60.0000€. Per alcuni non vederli sul conto corrente è il miglior modo per non spenderli, per altri serve per destinarli a bisogni lontani, per altri ancora è un investimento per avere anche interessi, ma basta comunque che sia risparmio.

 

Ed allora Non fare debiti, risparmia! Questo è il motto con cui propongo ai miei clienti di fare un piano di risparmio. Ultimamente sperimento con piacere che sono loro stessi che me lo chiedono capendo l’importanza che ha per loro ed i loro cari di pensare oggi ai grandi bisogni che si presenteranno nel futuro.

Hai mai partecipato anche tu ad uno Slotmob? Sai come arrivare preparato ai tuoi bisogni futuri? Un piano di risparmio può essere una buona soluzione oppure ne hai altre?

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scarica gratuitamente il mio ebook:
Storie di investimenti finanziari

LinkedIn
LinkedIn
Share
WhatsApp chat